Crea sito

Nutrirsi di aria: la filosofia di una coppia che non mangia da nove anni

Nutrirsi di aria non è un’assurdità! Qui la storia di Akahi e Camila, seguaci del respirianesimo, stile di vita che predica l’inutilità del cibo

Nutrirsi di Aria: questa coppia non mangia da nove anni
Nutrirsi di Aria: questa coppia non mangia da nove anni

Residenti tra l’Ecuador e la California, i signori Akahi Ricardo e Camila Castello non mangiano più dal 2008 perché convinti che ingerire cibo sia solo una perdita di tempo.

Seguaci di una filosofia piuttosto stramba detta “respirianesimo”, i due coniugi sono convinti che mangiare è inutile e bere quasi-inutile, perché tutto il necessario al nutrimento è nell’energia emanata dall’universo, e facilmente assorbibile attraverso il respiro.

E’ dal 2008 che la coppia non mangia – se non qualche frutto – e non beve, eccezion fatta per rari casi, quali le cene in compagnia. Nonostante i digiuni, dalla loro unione sono nati anche due figli. Durante le gravidanze, poi la donna non ha mangiato quasi mai, mentre i piccoli saranno liberi di seguire l’alimentazione che preferiranno.

Economico e dietetico, dunque. Ma funziona davvero? Gli esperti considerano il respirianesimo una pseudo scienza fondata su fantomatiche credenze mai dimostrate.

Eppure i nostri Akahi e Camila sono profondamente convinti del loro percorso, tanto che in un’intervista asseriscono: “Gli uomini possono vivere tranquillamente senza mangiare, purché siano in sintonia con l’energia sprigionata dall’universo e si nutrano attraverso il respiro“. Oltre a un netto miglioramento dello stile di vita e della salute, infine, i coniugi hanno constatato un forte risparmio economico da utilizzare per viaggi e vacanze.

Certo, è bello viaggiare per il mondo in lungo e in largo, ma mangiare un bel piatto di bucatini all’amatriciana non ha pari 🙂

Pubblicato da Prosdocimi

L'autrice del blog é Prosdocimi, cagnolina cinica e mordace. Vive in Abruzzo insieme alla padrona, che tra un sollazzo e l'altro la ingozza di crocchette e cotiche. C'è anche il padrone, naturalmente. Ma lavora tanto e non c'è mai...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.