Marmellata di fragole senza zucchero: vera delizia light

Marmellata di fragole senza zucchero: facile ricetta light

Marmellata di fragole senza zucchero: vera delizia light
Marmellata di fragole senza zucchero: vera delizia light

Marmellata di fragole senza zucchero: ricetta light per la gioia del palato e della linea, ottima spalmata su pane o fette biscottate ma anche per arricchire qualsivoglia dessert. Perfetta per chi ama le confetture naturali, si conserva in dispensa per diversi mesi. Facilissima, richiede 30 minuti di preparazione e 40 di cottura. Le dosi sono per 3 vasetti da 250 grammi. Buon lavoro!

Ingredienti:

  • 500 g di fragole fresche
  • 1 mela
  • il succo di mezzo limone
  • 3 cucchiai di acqua

Esecuzione:

  • lava bene le fragole e asciugale, elimina i piccioli e taglia a tocchetti
  • ora lava anche la mela, togli il picciolo e i semi e tagliala a tocchetti ma senza togliere la buccia
  • metti sia le fragole che la mela in una casseruola capiente e unisci il succo del limone e l’acqua
  • mescola bene e poni sul fuoco
  • lascia cuocere a fiamma media mescolando di tanto in tanto e non appena la frutta sarà bella morbida togli la pentola dal fuoco e frulla il tutto con un mixer ad immersione sino ad ottenere un composto cremoso
  • rimetti di nuovo sul fornello e fai cuocere a fuoco basso
  • versa un cucchiaino di marmellata su un piattino, lascia raffreddare e inclina: se la marmellata non cola puoi spegnere il fuoco
  • versa nei vasetti di vetro accuratamente sterilizzati, chiudi coi coperchi e capovolgili
  • fai raffreddare completamente i barattoli prima di riporli in dispensa.
  • Si conserva per qualche mese in dispensa, se il luogo è buio, fresco e asciutto e una volta aperta (meglio se dopo qualche settimana dalla realizzazione) metti il vasetto in frigo e consumalo entro una settimana al massimo.

Marmellata di ciliegie senza zucchero

Fonte: PrimoChef

Pubblicato da Prosdocimi

L'autrice del blog é Prosdocimi, cagnolina cinica e mordace. Vive in Abruzzo insieme alla padrona, che tra un sollazzo e l'altro la ingozza di crocchette e cotiche. C'è anche il padrone, naturalmente. Ma lavora tanto e non c'è mai...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.