Crea sito

L’isola Niue spegne le luci per guardare il cielo notturno

L’isola Niue spegne le luci per guardare il cielo notturno e consentire agli abitanti e ai visitatori di godere appieno il panorama stellare

L’ISOLA CHE SPEGNE LA LUCE PER GUARDARE IL CIELO NOTTURNO

Esiste un’isola che spegne le luci per guardare il cielo di notte? Sí, ce ne parla Mezzopieno news in un interessante articolo che ripropongo per te. Buona lettura!

L’isola di Niue è il primo Stato al mondo a eliminare tutte le luci notturne non essenziali per consentire ai propri abitanti e ai visitatori di godere lo spettacolo del cielo stellato.
L’inquinamento luminoso risulta nocivo
I danni conseguenti all’inquinamento luminoso, soprattutto nelle aree fortemente urbanizzate, da anni sono messi in risalto dalle comunità scientifiche. Ecco il motivo per cui il governo di Niue ha deciso di adottare contromisure importanti come la sostituzione dell’intera illuminazione pubblica e il passaggio a un nuovo modello d’illuminazione per le dimore private.
L’iniziativa é oggetto di massimo apprezzamento
Per questa e altre iniziative, la piccola isola – Stato di 1600 abitanti, situata nell’oceano Pacifico a nord ovest della Nuova Zelanda, ha ricevuto un accreditamento formale dall’International Dark-Sky Association, che l’ha riconosciuta ufficialmente come “nazione dal cielo scuro”.

“I cieli di Niue sono stati osservati e ammirati per secoli”, dice Misa Kalutea, anziana tutrice culturale dell’isola “lo status di nazione dal cielo scuro aggiunge nuova enfasi all’importanza della nostra conoscenza tradizionale, rafforzando la necessità di riproporla e condividerla prima che vada persa”.

* Risparmiare elettricità con piccoli accorgimenti casalinghi *

Pubblicato da Prosdocimi

L'autrice del blog é Prosdocimi, cagnolina cinica e mordace. Vive in Abruzzo insieme alla padrona, che tra un sollazzo e l'altro la ingozza di crocchette e cotiche. C'è anche il padrone, naturalmente. Ma lavora tanto e non c'è mai...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *