Crea sito

Cheesecake vegana alla fragola senza cottura

Cheesecake vegana alla fragola senza cottura
Cheesecake vegana alla fragola, dolce freddo e goloso preparato con panna di yogurt e soia

Fresca e semplice da preparare, la cheesecake vegana alla fragola è senza burro o altri ingredienti di origine animale. Facilissima, la ricetta di PrimoChef.it richiede solo 30 minuti di preparazione perché senza cottura, ed è per 4 persone. Buon lavoro!

Ingredienti:

  • 150 g di biscotti vegani e senza glutine
  • 50 g di margarina vegetale
  • 200 g di panna di soia
  • 100 g di yogurt di soia
  • grammi 100 di zucchero di canna
  • confettura di fragole q.b.
  • menta fresca q.b.

Esecuzione:

  • frulla i biscotti integrali con il mixer, poi trasferiscili in una ciotola capiente
  • unisci la margarina che avrai fatto sciogliere a bagnomaria
  • mescola bene e stendi il mix di margarina e biscotti all’interno di uno stampo a cerniera foderato con carta da forno
  • appiattisci bene il tutto in modo da creare una base con i biscotti e metti in frigorifero a riposare
  • monta la panna di soia a neve ben ferma con lo zucchero poi unisci anche lo yogurt di soia
  • mescola dal basso verso l’alto in modo da non smontare la panna
  • versa la crema così ottenuta sopra la base di biscotti e livella bene con una spatola o con il dorso di un cucchiaio
  • poni in frigorifero e fai riposare per un’ora, ma anche per 3-4 ore per un risultato migliore
  • trascorso il tempo di riposo, tira fuori la torta dal frigo e decora con la marmellata di fragole e con le foglie di menta
  • se vuoi utilizzare le fragole fresche, puoi farle cuocere con un paio di cucchiaio di zucchero e una spruzzata di limone, lasciar addensare il composto, farlo raffreddare e infine utilizzarlo come guarnizione.
    Torta fragole e mascarpone per una soffice colazione

Fonte: PrimoChef

Pubblicato da Prosdocimi

L'autrice del blog é Prosdocimi, cagnolina cinica e mordace. Vive in Abruzzo insieme alla padrona, che tra un sollazzo e l'altro la ingozza di crocchette e cotiche. C'è anche il padrone, naturalmente. Ma lavora tanto e non c'è mai...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *