Cambio di guardaroba: preludio della bella stagione in arrivo

È arrivata la primavera ed è ora di sistemare giubbotti e ghette di lana per far posto a spolverini e scarpe aperte. Una seccatura? No!

la primavera e il cambio del guardaroba
Cambio di guardaroba: come farlo in poche mosse

      “E’ primavera, svegliatevi bambine” cantava Claudio Villa… e semmai ce ne fosse bisogno, ti ricordo che insieme alla bella stagione e l’aria tiepida, i prati in fiore e gli uccellini che cantano, arriva anche il fatidico cambio di guardaroba.

      E’ una seccatura (lo so, eccome!) ma siccome bisogna farlo, tanto vale organizzarsi per rendere l’incombenza meno dolorosa possibile. Vieni con me, che risolviamo!

♠ Innanzitutto apri tutti i cassetti e svuotali per pulirli a fondo e fare una prima disamina di gonne, maglie, camicie etc.

♠ Butta via quello che non indossi da almeno due anni, ché sicuramente non ti serve più e te ne puoi sbarazzare.

♠ Metti l’intimo di lana, calzettoni, collant, body e tutto l’intimo invernale in una scatola di stoffa (più adattabile di quella in cartone) e appoggiala in un angolo della stanza.

♠ Separa gli abiti invernali puliti da quelli sporchi; metti questi ultimi nella cesta del bucato e i primi in una custodia di plastica (per non stropicciarli), e poggiali vicino alle scatole di stoffa.

♠ Sistema nel guardaroba l’abbigliamento estivo mettendo vicini pantaloni con pantaloni, camicia con camicia, gonna con gonna e così via.

♠ Ora prendi le scatole e le custodie con gli abiti invernali e sistemale nel settore libero dell’armadio, e infine proteggile dalle tarme con palline di naftalina oppure sacchetti contenenti cannella o chiodi di garofano.

cambio guardaroba scarpe

♠ Mancano solo le calzature: prendi le scatole delle scarpe estive, svuotale e riempile con le scarpe invernali… et voilà, il gioco è fatto!

       Bene, hai assolto l’ingrato compito in un battibaleno e hai il pomeriggio libero: che ne dici di sfruculiare sul mio blog a caccia di altri articoli interessanti?

        Buona lettura e buona primavera

Precedente Le diete del dottor Google: ecco le più cliccate Successivo Primavera: poesie e foto sul risveglio della natura

Lascia un commento